• il massaggio craniosacrale 1
  • il massaggio craniosacrale 2
  • anubuddha classes

Il Respiro Primario del corpo

La formazione del Sistema Craniosacrale avviene nelle prime settimane di vita intrauterina e le sue funzioni continuano fino alla morte. È un sistema alla base di tutte le funzioni fisiologiche dell’organismo. Comincia prima del battito del cuore e prima del respiro… e quando cessa di funzionare la vita finisce. Il massaggio Craniosacrale è indicato per ristabilire il normale flusso dei fluidi e dei movimenti dei tessuti, aumentare le difese immunitarie, trattare mal di schiena e dolori cervicali e persino traumi trattenuti nelle memorie energetiche della colonna vertebrale (anche quelli lontani nel tempo: è il nostro “storeroom” più importante). Mobilizzando e liberando le ossa del cranio, le membrane e il tessuto connettivo e “sintonizzandosi” con il Ritmo Primario si può ridurre lo stress complessivo dell’organismo.

Anatomia e come funziona: le Maree

Il Sistema Craniosacrale può essere descritto come il sistema che connette la testa  - cranio - all’osso sacro attraverso la spina dorsale (da qui il nome). Lungo questo sistema si registra la nostra intera esistenza a livello di esperienze cellulari (ad esempio se faccio una “lettura energetica” prima di un trattamento chiedo al cliente di restare in piedi mentre appoggio le dita di una mano sulle sue vertebre del collo... "ascoltando" in tal modo tutto il corpo). Esiste un sistema di membrane che fodera la superficie interna delle ossa della testa, scorre all’interno del canale vertebrale e di nuovo si attacca all’osso sacro. Il sistema di membrane (dura madre) riveste il cervello e il midollo spinale e contiene un liquido semitrasparente - il fluido cerebrospinale - che sommerge, protegge e nutre l’intero sistema nervoso centrale. Queste membrane formano una fodera impermeabile che impedisce al fluido che è all’interno di fuoriuscire. Il movimento del fluido, nel quale sono immersi il cervello e il midollo spinale produce un flusso, il cosidetto Ritmo Craniosacrale (all’origine chiamato Marea per il suo lento e continuo movimento). Si tratta di un battito simile a quello cardiaco - più lento e regolare - su cui le mani dell’operatore 'intervengono' per allentare restrizioni che interferisce con la capacità delle membrane di assecondare il ritmico fluttuare della pressione e del volume del fluido. Restrizione che può essere la causa di svariati problemi fisici e psicologici.

Storia del Sistema Craniosacrale

Nei primi del novecento il dott. Sutherland, un osteopata americano, fa una scoperta: le ossa del cranio si “articolano” tra di loro per tutto il corso della vita. Fino ad allora si riteneva che già nei primi anni di vita le ossa della testa si calcificassero creando un contenitore rigidamente fissato. Inoltre Sutherland, percepì dei veri è propri ritmi del/nel fluido cerebrospinale, che chiamò "maree". Scoprì che questo ritmo garantisce la corretta e costante nutrizione del cervello - l’organo deputato al mantenimento degli equilibri fisiologici e psicologici dell’essere umano - e appare invece modificato in ritmo ed espansione in presenza di patologie organiche o in seguito a traumi fisici o psicologici.




Menù argomenti correlati ("Tecniche di massaggio"):

Mostra il menù principale